PRODOTTI IN

OFFERTA

 

Sfoglia tutti i nostri prodotti e i servizi in offerta, troverai sconti sensazionali!

vai

SCOPRI I NOSTRI

SERVIZI

 

Dal controllo della pressione all'esame impedenzometrico massa grassa / massa magra, vieni da noi per qualunque tua esigenza

vai

La nostra farmacia

farmacia Petracca consiglia

T-SHOCK NUOVA PELLE

YOUNG AGAIN E T-SHOCK NUOVA PELLE: gli esclusivi trattamenti anti-invecchiamento che donano una "nuova pelle"

Scopri di più

TESSERA FEDELTÀ

Stampa la nuova carta fedeltà, farmacia Petracca ti premia!

Scopri di più

PRODOTTI PER L'INFANZIA

Conosci i migliori prodotti per il tuo bambino

Scopri di più

COSMETICI MAGISTRALI

Prova la nostra linea di cosmetici per il benessere della tua pelle

Scopri di più

NOVITÀ DARPHIN

PERFORMANCE PERFETTA

Scopri di più

DIETA TRIFASICA

Dagli specialisti del centro Mességué...

Scopri di più

Gli smartphone sul comodino possono essere dannosi alla nostra salute se non consentono di mantenere un sonno continuo a causa della luce che irradiano dagli schermi. «Perché le nostre cellule hanno bisogno di riposo», sottolinea il professor Giuseppe Scotti.

Cellulari accesi di notte, rischi per la salute? 10 10 1 1.

spegnere lo smartphone di notteScandiscono i momenti della nostra giornata e, spesso, ci fanno compagnia anche di notte, adagiati sui nostri comodini. Sono gli smartphone che, in 8 casi su 10, vengono lasciati accesi anche mentre dormiamo. Lo rivela un sondaggio dell’inglese Ofcom, un’occasione che è stata colta da molti specialisti per mettere in guardia dai rischi causati dagli schermi mantenuti accesi durante le ore notturne. Sul “Daily Mail”, Guy Meadows, specialista della Sleep School di Londra, suggerisce di lasciare il telefonino in cucina durante la notte, perché dormire con il cellulare vicino al letto può causare anche capogiri e mal di testa. Il problema principale è legato alla luce degli schermi, oggi molto forte per l'alta qualità dei telefoni moderni, che se “proiettata” nel cuore della notte rischia di farci risvegliare e renderci altamente vigili, con problemi a riaddormentarci e a riposare abbastanza per essere attivi il giorno dopo.

Il nostro cervello ha bisogno di riposo

Il commento del professor Giuseppe Scotti

Neuroradiologo di Humanitas

«Il nostro cervello ha bisogno di riposo. Che la deprivazione da sonno, cioè sonni brevi e interrotti, non faccia bene all’organismo, dal sistema immunitario che ne risente, al tono dell’umore, alla creatività ecc., è una nozione ben nota. Le cellule hanno bisogno di “ricaricarsi” e per farlo hanno bisogno di riposo. La notizia, però, rischia di essere forviante laddove fa pensare che siano i cellulari i responsabili dei guai. I cellulari lo sono solo se sono causa di interruzione del sonno, non se si tengono sul comodino. Se il cellulare non suona per dodici ore e si riesce a dormire per dodici ore, non sussistono problemi.

Il cellulare chiaramente va gestito in maniera moderata, ma non è il telefonino in sè la causa dei disturbi del sonno. Lo è un uso scorretto, come lo sarebbe quello del telefono che suona tre volte durante la notte o dell’allarme in casa. Se lo si usa come sveglia non c’è alcuna differenza rispetto a una radio sveglia o a una sveglia vecchio stile. Che i cellulari possano essere fonte di guai, compresi i tumori cerebrali, è un allarme che viene periodicamente rilanciato ma che nessuno finora ha mai dimostrato».