Stampa

I valori della pressione arteriosa variano nel corso della giornata, tendenzialmente diminuiscono con il riposo notturno, aumentano la mattina, si normalizzano per poi salire di nuovo la sera. Picchi di pressione possono verificarsi anche con le basse temperature atmosferiche o in conseguenza di forti emozioni e sforzi fisici. Altri fattori di rischio per lo sviluppo di ipertensione sono sovrappeso, obesità, ipercolesterolemia, diabete, abitudine al fumo di sigaretta ed età per un fisiologico irrigidimento dei vasi sanguigni arteriosi.

Perché è importante misurare la pressione
L'ipertensione non dà sintomi fino alla comparsa di complicanze cardiovascolari. In letteratura è stato dimostrato che rappresenta uno dei principali fattori di rischio per infarto del miocardio, scompenso cardiaco, ictus cerebrale e malattie renali. Poiché le malattie ischemiche sono la prima causa di morte al mondo è fondamentale controllare i livelli di pressione sistolica regolarmente, anche a domicilio. "Controlla la tua pressione arteriosa", slogan della Giornata mondiale della salute 2013, ha ribadito l'importanza di questa pratica.

Classificazione dei livelli di pressione arteriosa
Le linee guida 2013 dell'European society of cardiology hanno stabilito i valori di riferimento per la pressione massima (sistolica) e minima (diastolica), espressa in millimetri di mercurio (mmHg):

L'ipertensione arteriosa interessa oltre la metà circa degli uomini di età compresa tra i 35 e i 79 anni.

Effetto camice bianco
Tipicamente, la misurazione della pressione viene eseguita con uno sfigmomanometro a mercurio nello studio medico o in farmacia. Diversi studi clinici hanno dimostrato che la pressione arteriosa rilevata da un professionista in camice bianco risulta spesso più alta a causa dello stress provato dal paziente, a volte inconsapevole, di quella rilevata a casa da soli o da un familiare. Esiste anche un'ipertensione isolata da studio medico.

Uso degli apparecchi per la misurazione a domicilio
In commercio sono disponibili diversi modelli di apparecchi automatici per l'automisurazione della pressione arteriosa a domicilio. Affinché l'automisurazione domiciliare rappresenti un valore aggiuntivo e attendibile rispetto a quella effettuata nello studio del medico, il paziente deve essere istruito e addestrato a seguire scrupolosamente le istruzioni: la misurazione va effettuata da seduti, dopo 5-10 minuti di rilassamento. Il braccio sinistro, a cui va applicato il bracciale tra ascella e piega del gomito, deve essere libero da indumenti e posizionato all'altezza del cuore, con il palmo della mano rivolto verso l'alto, appoggiato su una superficie piana. Si preme il pulsante e si attendono i risultati che appariranno sul display. Prima di eseguire la successiva misurazione, è necessario sgonfiare completamente il bracciale e attendere 2-3 minuti per lasciare defluire il sangue. La pressione non va misurata dopo uno sforzo fisico, aver assunto caffeina, fumato o avuto un'emozione forte. Si consigliano misurazioni mattino e sera per una settimana e poi un giorno la settimana quando la pressione arteriosa è sotto controllo.

Vantaggi
Se queste indicazioni vengono rispettate, è stato dimostrato che l'automisurazione della pressione domiciliare dà risultati attendibili e ha un valore prognostico migliore di quella ottenuta nello studio medico perché corrisponde meglio allo stato reale. Inoltre migliora la compliance del paziente alla terapia con i farmaci antipertensivi e all'adozione di uno stile di vita salutare. Per questo andrebbe incoraggiata. L'automisurazione domiciliare della pressione rimane comunque complementare a quella effettuata dal medico.

Comportamenti utili
Per mantenere i valori di pressione arteriosa entro i limiti previsti dalle linee guida internazionali è opportuno:

Avanti


 
Indietro