PRODOTTI IN

OFFERTA

 

Sfoglia tutti i nostri prodotti e i servizi in offerta, troverai sconti sensazionali!

vai

SCOPRI I NOSTRI

SERVIZI

 

Dal controllo della pressione all'esame impedenzometrico massa grassa / massa magra, vieni da noi per qualunque tua esigenza

vai

La nostra farmacia

farmacia Petracca consiglia

T-SHOCK NUOVA PELLE

YOUNG AGAIN E T-SHOCK NUOVA PELLE: gli esclusivi trattamenti anti-invecchiamento che donano una "nuova pelle"

Scopri di più

TESSERA FEDELTÀ

Stampa la nuova carta fedeltà, farmacia Petracca ti premia!

Scopri di più

PRODOTTI PER L'INFANZIA

Conosci i migliori prodotti per il tuo bambino

Scopri di più

COSMETICI MAGISTRALI

Prova la nostra linea di cosmetici per il benessere della tua pelle

Scopri di più

NOVITÀ DARPHIN

PERFORMANCE PERFETTA

Scopri di più

DIETA TRIFASICA

Dagli specialisti del centro Mességué...

Scopri di più

Il portiere della Nazionale italiana, Gigi Buffon, è solo l’ultimo di una lunga serie di acciaccati illustri. Ecco le spiegazioni per cui in campo si fanno male tutti, dai campioni agli amatori.

Calcio e calcetto: come non farsi male? 5 10 1 1.

giocatore di calcio infortunatoI Mondiali di calcio del Brasile saranno ricordati anche per i tanti calciatori che si sono infortunati prima e durante lo svolgimento del torneo. Il portiere della Nazionale, Gigi Buffon, è stato l’ultimo di una serie che ha avuto le sue vittime più illustri nell’attaccante francese Franck Ribery e in quello colombiano Radamel Falcao.

«Più si gioca e più ci si fa male – spiega il dottor Fabrizio Tencone, medico sportivo del Gruppo Isokinetic e coordinatore dell’area medica della Juventus –: lo conferma uno studio della Uefa, l’Unione delle Federazioni di calcio europeee, che attribuisce ai calciatori 4/5 infortuni ogni mille ore di allenamento e 15/20 infortuni ogni mille ore di partita».

Una larga fetta degli atleti oggi in Brasile è reduce da una stagione agonistica cominciata lo scorso settembre e fatta di oltre 50 partite giocate: «Il rischio di infortunio è maggiore proprio per via dei tantissimi minuti di partita fin qui disputati», conferma il professor Flavio Quaglia, dal 1996 ortopedico della Juventus e specialista in Ortopedia e Traumatologia nonché in Fisiokinesiterapia ortopedica del Centro Sports della Clinica Fornaca di Torino.

 

Un progetto dell'UEFA per proteggere i caciatori dagli infortuni

Proprio l’Uefa ha avviato nel 2001 il progetto “Uefa Elite Club Injury Study” che, in stretta collaborazione con la Medicina dello sport, mira a proteggere i calciatori dagli infortuni attraverso studi regolarmente pubblicati sul “British Journal of Sports Medicine”. «Punire i calciatori che entravano col gomito alto sull’avversario è stata, ad esempio, la conseguenza di uno studio che dimostrava la pericolosità di questo tipo di intervento», precisa il dottor Tencone.

Oltre all’usura c’è un altro potenziale fattore di rischio per chi gioca a pallone: «Il calcio di oggi è sempre più veloce e fisico, una combinazione che favorisce impatti violenti al momento dello scontro. Tuttavia – aggiunge il professor Quaglia - non è sempre il contrasto a provocare l’infortunio: in quasi l’80 per cento dei casi la rottura del legamento crociato anteriore fa seguito a un cambio di direzione improvviso o a un atterraggio successivo a uno stacco per colpire di testa». Succede ai campioni ma anche e soprattutto a chi il calcio lo gioca per passione: «I primi calpestano campi perfetti e sono allenati al meglio – chiude il professor Quaglia –, gli altri non sono altrettanto preparati e corrono e saltano su terreni di gioco che non sono proprio dei biliardi. Per loro, il rischio di farsi male è molto più elevato».

 

Risposte a cura del professor Flavio Quaglia

specialista in Ortopedia e Traumatologia e in Fisiokinesiterapia ortopedica del Centro SP.OR.T.S. della Clinica Fornaca di Torino

Ortopedico Juventus FC

   

gg